L’importanza del Ferro Bisglicinato

La mancanza di ferro è una delle più comuni carenze nutrizionali nel mondo. Perché avere un buon livello di ferro è importante?

L'importanza del ferro

Il ferro è coinvolto in almeno 200 reazioni biochimiche nell’organismo ed è un elemento cardine di tante importanti funzioni come la produzione di energia, il trasporto di ossigeno, l’attività immunitaria e la produzione ormonale.

È incredibile, come, un vasto e vario gruppo di persone abbiano un aumentato bisogno di ferro, per esempio i vegetariani, le donne durante il ciclo mestruale, gli atleti, gli adolescenti e le persone anziane.

Come mantenere un adeguato livello di ferro

I fattori che possono influenzare il livello di ferro nell’organismo includono la quantità di dosaggio e come esso viene assorbito nel piccolo intestino. Mentre l’assunzione regolare di ferro attraverso una corretta alimentazione è molto importante per mantenere un livello adeguato, quando si ha una carenza può essere difficile riuscire ad introdurne abbastanza con la dieta da ripristinare le riserve di ferro, ed è quindi consigliata l’integrazione.

Esistono tanti tipi di Sali di ferro differenti, ma da alcuni studi risulta che il ferro bisglicinato, un sale organico del ferro, sia più biodisponibile e quindi si assorba più dei sali inorganici come il solfato ferroso. Risulta inoltre che la sede elettiva di assorbimento di questo importantissimo minerale sia il duodeno, quindi sarebbe utile che la forma dosaggio sia il più mirata possibile verso quel tratto del nostro apparato digerente.

Esiste una capsula brevettata che può tornare utile a questo scopo: Capsugel® DRcaps™. Questa capsula, essendo gastro-resistente, può portare il ferro a livello intestinale senza subire una degradazione dovuta ai succhi gastrici e quindi aumentarne ancor di più le possibilità di essere assorbito. L’utilizzo di questo brevetto è, inoltre utile a mascherare il sapore metallico del ferro e a eliminare il tipico reflusso dovuto alla sua assunzione.

Bisogna inoltre evidenziare l'influsso positivo che hanno alcuni elementi nell’assorbimento del ferro esogeno. La vitamina C risulta ad oggi un ottimo composto utile a questo scopo.

Scopri di più su Maxifer® Immunoplus!

Bibliografia

  1. Pereira DIA, Couto Irving SS, Lomer MCE, et al. A rapid, simple questionnaire to assess GIT symptoms after oral ferrous sulphate supplementation. BMC Gastroenterol 2014;14:103.
  2. Australian Bureau of Statistics. Australian Health Survey: Usual Nutrient Intakes, 2011-12. Viewed 25 August 2016, (link)
  3. Clénin GE, Cordes M, Huber A, et al. Iron deficiency in sports – definition, influence on performance and therapy. Swiss Med Wkly 2015;145:w14196.
  4. Fairweather-Tait SJ, Wawer A, Gillings R, et al. Iron status in the elderly. Mech Ageing Dev 2014;136-137(100):22-28.
  5. Adelia C Bovell-Benjamin, Fernando E Viteri, Lindsay H Allen; Iron absorption from ferrous bisglycinate and ferric trisglycinate in whole maize is regulated by iron status, The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 71, Issue 6, 1 June 2000, Pages 1563–1569, https://doi.org/10.1093/ajcn/71.6.1563
  6. Lynch, S. R. and Cook, J. D. (1980), INTERACTION OF VITAMIN C AND IRON*. Annals of the New York Academy of Sciences, 355: 32-44. doi:10.1111/j.1749-6632.1980.tb21325.x
  7. www.capsugel.com

Scopri di più su Maxifer® Immunoplus!