Centella asiatica e vene varicose: dalla medicina cinese a oggi

.

La Centella Asiatica (Centella asiatica (L.) Urban) è un'erba perenne della famiglia delle Apiaceae e cresce soprattutto in numerose aree di paesi tropicali.

Per secoli la Centella è stata utilizzata nella medicina tradizionale cinese e nella medicina ayurvedica indiana perché ritenuta in grado di avere effetti benefici nei confronti delle vene varicose. Una serie di recenti studi ha effettivamente dimostrato l’esistenza di miglioramenti dopo il suo utilizzo!

Scopri di più su Ultraven 20 Compresse Rivestite

Le sostanze più interessanti contenute in questa pianta sono delle saponine contenenti diversi acidi triterpenici ed i loro esteri, di questi i più importanti sono: l'acido asiatico, l'acido madecassico e i tre asiaticosidi, l'asiaticoside, l'asiaticoside A e l'asiaticoside B.

Negli ultimi anni sono stati condotti numerosi studi sugli estratti di Centella Asiatica (frazione totale triterpenica TTFCA) soprattutto in merito ai possibili effetti sulla insufficienza venosa cronica (IVC). Lo studio condotto da Arpaia et al. 1990 ha evidenziato che 30 mg due volte al giorno di TTFCA per 3 mesi portavano ad una riduzione degli enzimi coinvolti nel metabolismo dei mucopolisaccaridi nel siero umanoin soggetti con vene varicose causando un effetto protettivo.

Sono stati condotti inoltre sei studi per indagare l'efficacia della TTFCA in oltre 357 soggetti con IVC, nei quali sono stati monitorati: tasso di filtrazione, PO2, PCO2, permeabilità, flusso di riposo, edema, gonfiore alla caviglia e sintomi soggettivi. I risultati hanno mostrato che il TTFCA migliorava i parametri monitorati.(Belcaro et al. I G.1990, Cesarone et al. 1994, De Sanctis et al. 2001, Cesarone MR, et al. 2001, Cesarone et al. 2001, Incandela et al. 2001)

Nel 2011 Incandela et al. Pubblica un articolo in cui evidenzia gli effetti del TTFCA nel migliorare le alterazioni della parete venosa e nel proteggere l'endotelio delle vene in soggetti con IVC. L'estratto di Centella Asiatica, nonostante siano necessari ulteriori studi per meglio illustrare il meccanismo d'azione delle varie sostanze contenute e la loro efficacia, potrebbe essere di supporto per le vene.

  1. Cesarone M.R. et al. Activity of Centella asiatica in venous insufficiency. Minerva Cardioangiol. 40, 137-143, 1992

  2. Arpaia M.R. et al. Effects of Centella asiatica extract on mucopolysaccharide metabolism in subjiects with varicose veins. Int. J. Clin. Pharmacol. Res. 10, 229-233, 1990.

  3. Incandela L. Total triterpenic fraction of Centella asiatica in chronic venous insufficiency and in high-perfusion microangiopathy. Angiology 52 Suppl 2:S9-13, 2001

  4. Cesarone M.R. et al. Evaluation of treatment of diabetic microangiopathy with total triterpenic fraction of Centella asiatica: a clinical prospective randomized trial with a microcirculatory model. Angiology 52 Suppl 2:S49-54, 2001.